Segnali Forex 28 novembre 2012, ore 07.07

I timori che il Bundestag e qualche altro parlamento di paesi “core” del Nord Europa possano non approvare tutte lemisure di salvataggio della Grecia entro le prossime due settimane ha fatto scendere l’appetito per il rischio degli investitori con effetti negativi sul mercato forex su quelle valute maggiormente correlate con l’andamento dell’equity. L’euro ha sofferto molto, ma ha fatto male anche la sterlina. Ha tenuto bene, invece, il dollaro australiano. Per oggi non sono attesi molti dati macro importanti, se non stasera con il Beige Book. Oggi il focus dovrebbe essere sull’euro, per capire se avrà la forza di reagire dopo le perdite accumulate ieri.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Segnali Forex 5 novembre 2012, ore 07.36

E’ un ottimo momento per il dollaro americano sui mercati valutari. Il biglietto verde sta beneficiando degli ottimi dati macroeconomici negli Stati Uniti e continua a guadagnare terreno in clima di incertezza per le elezioni presidenziali. Oggi non sono attesi market mover particolarmente rilevanti, se non l’Ism non manifatturiero nel pomeriggio. E’ attesa qualche indicazione in più dal fronte europeo, dopo che la merkel ha spiazzato gli investitori affermando che la crisi in Europa non si risolverà prima di cinque anni. L’inizio delle contrattazioni nel vecchio continente dovrebbe avvenire in un clima di risk off generalizzato e l’euro potrebbe pagarne le conseguenze.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Segnali Forex 29 ottobre 2012, ore 07.50

Il mercato forex sembra ancora alla ricerca di un’identità precisa in questo scorcio d’anno. Venerdì il pil americano positivo ha risvegliato un po’ di appetito verso il rischio, ma in linea generale resta ancora stabile il clima di incertezza. L’euro ha perso smalto contro le major currencies, sta facendo bene la sterlina dopo essere uscita dalla recessione, mentre dollaro americano e yen si fanno preferire per motivazioni tecniche legate al rapporto risk on-risk off. L’euro ha raggiunto supporti importanti, ma c’è la possibilità che possano spuntarla i venditori; la sterlina ha rialzato la testa, ma resta pur sempre legata al sentiment del mercato.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Segnali Forex 11 ottobre 2012, ore 07.42

Torna la tensione sul mercato del debito europeo a seguito del downgrade di Standard & Poor’s sulla Spagna, declassata al livello “BBB-“ con outlook negativo. Ieri poche indicazioni dal Beige Book, dal quale è emerso un quadro quasi apatico dell’economia americana sia dal lato della crescita che dal mercato del lavoro. Ora l’attenzione dovrebbe momentaneamente spostarsi sulle vicende della zona euro, che da poco ha avviato ufficialmente il fondo salva-stati Esm, che dovrebbe mettere al sicuro i paesi in difficoltà finanziarie. Ieri l’euro aveva tentato un rimbalzo interessante, poi è crollato di nuovo. Il mercato compra soprattutto yen, ma resta ben impostato anche il dollaro americano.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI