Forex: market analysis (04/05/2014) – ore 8.32

L’ultima ottava si è chiusa con l’ottimo dato sul lavoro Usa, che però non è servito a rilanciare il dollaro. La verità è che i flussi di denaro continuano a riversarsi in Europa (Eurozona e Regno Unito) o dove il differenziale dei rendimenti inizia a diventare significativo (Australia, Nuova Zelanda). Tra l’altro sembra che cinesi e russi stiano vendendo grossi quantitativi di dollari per diversificare meglio le riserve valutarie, in particolare sull’euro. Non a caos i bond dell’eurozona continuano a macinare guadagni straordinari, rischiando quasi di finire in una bolla (i tassi sui titoli tedeschi a tre mesi sono diventati negativi). Né il tapering né i payrolls eccezionali possono contrastare la reale direzione dei flussi di liquidità internazionali. E ora la prossima settimana toccherà a diverse banche centrali far capire le proprie intenzioni sulle strategie future di politica monetaria (BCE in primis, ma anche BOE, RBA e RBNZ).


Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Forex: segnali operativi (07/01/2013) – ore 06.55

L’Epifania non ha allontanato gli investitori dal forex, che anche ieri si è mosso bene nonostante il clima festivo in gran parte del mondo. L’euro ha provato a riprendere quota dopo aver accusato di recente importanti vendite, che lo hanno allontanato dai top di periodo in particolare sul dollaro. Lo yen ha mostrato una buona forza, favorito dalle prese di beneficio degli investitori che hanno chiuso evidentemente molti contratti short accumulati negli ultimi tempi. Le valute più acquistate del momento restano il dollaro americano e il dollaro neozelandese, mentre quelle più vendute il franco svizzero e il dollaro australiano. Sempre tonico l’oro, che beneficia di fattori tecnici molto favorevoli (doppio minimo in area 1.180$) e ormai prossimo al test della resistenza di 1.250$.

 

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Forex: market analysis (05/01/2013) – ore 12.22

Sul forex il mercato continua a comprare dollari americani, mentre sembrano in grosse difficoltà sia l’euro che la sterlina. Giù il franco svizzero, che secondo Goldman Sachs quest’anno perderà molto terreno. E’ forte lo yen, che beneficia dei forti realizzi dopo il crollo avvenuto nelle ultime sedute dell’anno, mentre è risultato straordinariamente forte il dollaro neozelandese, sul quale si fanno sempre più insistenti le voci di un’imminente stretta monetaria da parte della RBNZ, che deve fare i conti con un mercato immobiliare in fase di surriscaldamento. L’aumento dei tassi in Nuova Zelanda appare sempre più scontato. Tra le commodity è molto debole il petrolio, mentre rimbalza con decisione l’oro in area 1.240$ dopo la formazione di un doppio minimo in area 1.180$ l’oncia.

 

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Forex: segnali operativi (03/01/2014) – ore 07.03

Ben ritrovati e buon inizio d’anno. Il forex ha iniziato il 2014 mostrando un dollaro e uno yen forti. In difficoltà la sterlina, mentre sull’euro si sono abbattute pesanti vendite. In ripresa troviamo, invece, le commodity currencies e l’oro. Giù il petrolio, che ieri ha perso il 3% crollando in area 95 dollari. Tra fine 2013 e inizio 2014 la volatilità appare in deciso aumento. La sensazione è che siano in corso importanti aggiustamenti nei portafogli dei grandi investitori istituzionali, che sono impegnati a mettere a punto le nuove strategie di asset allocation per il nuovo anno. Probabilmente a fine seduta ne sapremo di più e dopo l’Epifania i trend dovrebbero definirsi maggiormente.

 

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Forex: segnali operativi (19/12/2013) – ore 06.55

Ieri sera la FED ha annunciato l’avvio del tapering a partire da gennaio, iniziando a ridurre gli stimoli monetari di 10 miliardi di dollari. Il piano di QE passa così a 75 miliardi dai precedenti 85 miliardi. E’ un tapering in versione soft e sarà aggiornato gradualmente in base alle indicazioni provenienti dall’economia USA. Sul forex la volatilità è salita alle stelle, mentre a Wall Street gli indici azionari hanno messo il turbo sfiorando i precedenti massimi storici. Il dollaro americano è stato ben acquistato, anche se non allo stesso livello della sterlina che sembra essere diventata la valuta più preziosa attualmente sul forex. Il clima di euforia ha messo ancora al tappeto lo yen, ma hanno perso molto anche dollaro australiano e dollaro canadese. Giù l’oro, che sembra pronto per un nuovo test dei supporti di 1.200 dollari l’oncia.

 

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI