Segnali CFD 19 dicembre 2012, ore 07.08

La notizia di un imminente accordo sul fiscal cliff ha favorito ancora le borse. A Wall Street gli indici azionari hanno allungato con decisione, preparando il terreno per un possibile rally di fine anno. In Europa la positività ha premiato particolarmente l’indice spagnolo, grazie alla buona asta dei titoli di stato. Spread sovrani in calo e appetito al rischio che resta sostenuto. Il trend rialzista sull’azionario non sembra mostrare nessun cenno di esaurimento. Tra le commodity il quadro appare più incerto: ieri oro e argento sono crollati nel pomeriggio, mettendo ancora in imbarazzo i grandi esperti delle case d’affari che da tempo stanno pronosticando rialzi stratosferici per i prezzi dei metalli preziosi.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Segnali CFD 1 novembre 2012, ore 07.20

Il ritorno alla normalità per Wall Street, dopo il passaggio dell’uragano Sandy, non è stato semplice. Gli indici azionari americani sono stati per buona parte della seduta sotto pressione, mentre i migliori spunti operativi sono arrivati dalle commodity. In particolare, rialzano finalmente la testa i metalli preziosi dopo quasi un mese di continue vendite. Non a caso ieri è stato messo a punto un buon day-trade sull’oro, che ad ogni modo sembra ben impostato anche per questo scorcio di ottava semi-festivo.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Segnali CFD 26 ottobre 2012, ore 07.21

Chiusura positiva ieri a Wall Street per gli indici azionari, sebbene ci siano ancora pressioni al ribasso importanti che potrebbero portare ad un peggioramento del quadro tecnico nel breve periodo. A rendere il mood meno tranquillo sui mercati sono stati i rumors sempre più insistenti che circolavano ieri sulla possibilità di un downgrade imminente di Fitch sul rating degli Stati Uniti. Per quanto riguarda le commodities, il trend di breve periodo resta ribassista per i metalli preziosi (anche se potremmo essere vicini ad un punto di svolta) ma soprattutto sul petrolio, ai minimi degli ultimi tre mesi.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI