Segnali CFD 30 novembre 2012, ore 07.07

La seduta di ieri è stata molto favorevole per le borse, in particolare quelle europee. L’euforia generalizzata è stata resa possibile dalle dichiarazioni del presidente americano Barack Obama, che ha affermato di essere vicino ad un’intesa sul fiscal cliff. Il numero uno della Casa Bianca ritiene che l’accordo tra governo e Congresso potrà arrivare già entro Natale. In Europa svetta Milano, che guadagna quasi tre punti percentuali approfittando del crollo dei tassi in asta. Tra le materie prime riprende quota l’oro, dopo la clamorosa debacle di un paio di giorni fa (che sembra essere stata provocata da una vendita montre da parte di alcuni hedge funds), mentre l’argento segna nuovi massimi a oltre un mese e mezzo.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Segnali CFD 29 novembre 2012, ore 07.02

La seduta di ieri è stata caratterizzata da movimenti eccessivamente ampi, in particolare sui metalli preziosi e tassi di cambio. Le borse europee avevano iniziato male la seduta, poi hanno recuperato solo grazie al buon andamento di Wall Street. Difficile inquadrare la seduta di ieri, ma alla fine si è assistito ad un proseguimento al rialzo delle borse, a un clamoroso sell-off dei metalli preziosi – che hanno perso momentaneamente la correlazione con equity e dollaro – e a tanta volatilità sulle valute. Dal Beige Book è arrivata la conferma che l’economia americana cresce a ritmi modesti, mentre in Europa è stato approvato il bailout delle banche spagnole per complessivi 37,7 miliardi (18 circa solo per Bankia).

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

 

Segnali CFD 27 novembre 2012, ore 06.59

Ieri giornata negativa per le borse, che hanno sperimentato una giornata di realizzi dopo l’exploit di venerdì. Resta da sciogliere ancora il nodo Grecia: la maratona notturna dell’Eurogruppo non ha portato ad alcun comunicato ufficiale, per cui i politici europei stanno lavorando ancora a ritmi serrati per trovare un’intesa sugli aiuti da concedere ad Atene e sull’eventuale cancellazione di una parte del debito ellenico, soluzione però che non piace affatto al cancelliere tedesco Angela Merkel. Ieri è stata una seduta interlocutoria, oggi potrebbe esserci un ritorno deciso dell’attività degli operatori finanziari. Da seguire sempre i metalli preziosi, sia l’oro che l’argento.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

 

Segnali CFD 20 novembre 2012, ore 07.04

La nuova ottava sui mercati finanziari è iniziata ieri all’insegna degli acquisti. L’ottimismo è scaturito a seguito delle dichiarazioni di Barack Obama, che ha fatto intendere che ci sono buone possibilità che possa essere raggiunto nei tempi necessari un accordo sul fiscal cliff negli Stati Uniti. Gli acquisti degli investitori hanno spinto in deciso rialzo le borse, sia quelle europee che quelle americane. Molto bene anche le commodity, dall’oro al petrolio. Per quanto riguarda oggi, si dovrebbe partire ancora con un sentiment molto positivo – nonostante il downgrade di Moody’s sulla Francia – ma la seduta dovrebbe essere influenzata dalle decisioni dell’Eurogruppo sulla Grecia, che aspetta con ansia la sua tranche di 31,5 miliardi di euro per evitare il default.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

 

Segnali CFD 16 ottobre 2012, ore 07.15

Giornata positiva quella di ieri grazie al risultato migliore delle attese delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti e alla trimestrale di Citigroup che, nonostante il crollo dell’utile quasi del 90%, ha battuto le stime di consensus. Inoltre, il buon dato cinese sulle esportazioni aveva già creato le condizioni per un deciso miglioramento del sentiment. Le borse americane hanno fatto molto bene, in attesa delle nuove trimestrali attese per oggi (Goldman Sachs, Coca-Cola, J&J). Bene anche le piazze europee. Per quanto riguarda le commodity, il quadro è molto incerto. I metalli preziosi sono letteralmente crollati, mentre il petrolio ha continuato a dimostrare la sua elevata volatilità portando sull’ottovolante day-trader e scalper.

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI