Forex: market analysis (24/05/2014) – ore 16.53

In attesa dell’esito delle elezioni europee e della riunione della BCE del 5 giugno prossimo, sul forex il mercato resta corto di euro e lungo di dollari. Continua a convincere la sterlina, mentre lo yen sembra avere le carte in regola per ripiegare dopo il recente movimento positivo generato dalla delusione per il mancato aumento del piano di QE da parte della BoJ. Tra le valute che rischiano un ulteriore ridimensionamento ci sono anche quelle oceaniche (canguro e kiwi), che i governatori delle banche centrali guardano in cagnesco ogni volta che si apprezzano in modo eccessivo con i consueti carry trade contro le valute del blocco occidentale dai tassi molto bassi. Tra le materie prime resta tonico il petrolio, mentre l’oro sembra ormai vicino a un’esplosione incredibile considerando che è da tempo in corso una compressione di volatilità pazzesca.


Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI