Forex: segnali operativi (29/3/2013) – ore 6.57

Chiusura positiva per le borse, tranne Piazza Affari che chiude con una piccola perdita (-0,1%) la sua quarta seduta consecutiva in rosso. Spread sotto pressione: spread Btp-Bund tocca 360 ai top da settembre scorso, poi ripiega in chiusura sotto 350. Oggi e il 1° aprile la borsa italiana sarà chiusa per le festività pasquali. A Wall Street nuovo record storico per il Dow Jones, mentre l’S&P500 è ormai a un passo dai record del 2007. Sul forex timido tenativo di rimbalzo per l’euro, ma probabilmente le prossime ore dovrebbero essere segnate da minori volumi di scambio per il clima di festività.

 

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

 

Forex: segnali operativi (28/3/2013) – ore 7.10

E’ una fase molto delicata per i mercati finanziari, con Wall Street poco sotto i record di sempre e le borse europee nel vortice della speculazione per il riacutizzarsi delle problematiche legate alla crisi del debito pubblico e delle banche nell’area euro. Gli spread hanno messo il turbo, mentre Moody’s ha bocciato Cipro per i rischi legati a una sua possibile uscita dall’euro. Sul forex pesante calo della moneta unica, mentre continuano a rafforzarsi le due valute rifugio per eccellenza, ovvero dollaro e yen.

 

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI

Forex: segnali operativi (27/3/2013) – ore 7.12

Sui mercati finanziari regna l’incertezza, anche se ieri Wall Street ha chiuso in positivo nonostante le tensioni in Europa e alcuni dati macro poco convincenti (in particolare le vendite delle case -4,6% a febbraio). Nel Vecchio Continente le vendite hanno colpito le piazze finanziarie dei Pigs, in crescita gli spread. Sul forex la moneta unica resta sotto pressione, mentre continuano a rialzare la testa le monete legate alle commodity (Aud, Nzd, Cad). Il mercato forex resta sbilanciato dal lato long sul dollaro americano, complice anche l’aumento dell’esposizione sulla divisa Usa dei grandi fondi di investimento.

 

Il resto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
Fai il oppure REGISTRATI